7.6 C
Bologna
giovedì, 22 Dicembre 2022

Per assistenza

spot_img

L’incredibile, sommerso, mondo di Jason de Caires Taylor

Jason de Caires Taylor è uno scultore britannico. È noto soprattutto per l’installazione di sculture subacquee in siti specifici che danno vita progressivamente a barriere coralline artificiali.

È noto soprattutto per l’installazione di sculture subacquee in siti specifici che danno vita progressivamente a barriere coralline artificiali. Queste opere riflettono i suoi interessi di scultore, ambientalista, fotografo subacqueo e istruttore di immersioni subacquee.

I suoi lavori a Grenada rientrano tra le 25 maggiori meraviglie del mondo di National Geographic. Ha creato il più grande museo di scultura subacquea del mondo, l’Underwater Museum Cancún, situato al largo della costa tra Cancún e Isla Mujeres, in Messico.

Figlio unico di padre inglese e madre della Guyana, studia nel Kent per poi laurearsi nel 1998 in Scultura e Ceramica, presso il Camberwell College of Arts Institute di Londra[1].

Fin da bambino inizia a manifestare la passione per il mare che si concretizza in un brevetto da istruttore di immersioni subacquee all’età di 18 anni[2].

Inizialmente realizza opere d’arte per mostre e gallerie, per poi rendersi conto della maggiore potenzialità di installazioni ambientali in luoghi della terra poco conosciuti o nei quali si sono verificate catastrofi naturali[3].

Le sue opere sottomarine, enigmatiche ed evocative, affrontano temi diversificati: dalla vita quotidiana a temi politico-sociali come quello della migrazione[4].

Inoltre incoraggiano gli organismi viventi sottomarini a crescere e modificare le superfici, che subiscono, così, un’evoluzione da cemento a barriere coralline artificiali[5]. Queste sculture spesso alludono alla relazione dell’umanità col mondo naturale e alla necessità di conservazione, decadimento e rinascita di quest’ultimo[6].

Sono per lo più ispirate a persone reali[7].

Nel 2009 trasferisce il suo studio in Messico, dove crea il primo museo subacqueo al mondo[8], il Cancún underwater museum (Museo subacuatico de arte, meglio noto come MUSA)[9], composto da più di 485 sculture sommerse e 30 pezzi sulla terraferma tra la costa di Cancun e la costa occidentale della Isola Mujeres[10].

Il progetto è stato commissionato e supportato nel 2008 dalla CONANP (Commissione nazionale delle aree naturali protette nazionali) e dall’Associazione nautica di Cancún, ufficialmente aperta nel novembre del 2010[11].

Su alcune opere l’artista impianta coralli vivi recuperati da aree di barriera corallina danneggiata[12]:

  • Hombre en llamas (L’uomo in Fiamme), ispirato ad un pescatore locale, ha frammenti di corallo sulla testa e sul busto;
  • La Jardinera ( La Giardiniera ), una ragazza sdraiata su un patio, sdraiata vicino a un vaso contenente coralli;
  • El colecionista de los sueños (Il Collezionista di Sogni), un uomo che archivia i messaggi in bottiglia.

La Evolución Silenciosa (L’evoluzione Silenziosa), installata novembre del 2010, è considerata la più grande collezione di arte subacquea[13].

E’, infatti, composta da 450 sculture in cemento a grandezza naturale, posizionate, una di fianco all’altra, su un’area sabbiosa di circa 420 metri quadri[14].

La posizione è stata scelta strategicamente per reindirizzare i visitatori in zone lontane dalle scogliere naturali, così che queste possano rigenerarsi[15].

Le opere toccano temi storici e contemporanei, formano singoli blocchi che danno vita ad una complessa barriera corallina artificiale in cui prolifera la vita acquatica[16].

Se in prossimità l’insieme evoca una folla di persone, in lontananza la forma ricorda quella di un occhio[17].

Alla fine del 2013 l’artista ha già collocato quasi 700 sculture in diverse zone del mondo[18]Ocean Atlas (Atlante dell’oceano), situata alle Bahamas, con i suoi cinque metri di altezza e 60 tonnellate di peso, è considerata la più grande scultura subacquea al mondo[19].

Nel 2015 realizza la sua prima opera a Londra, The Rising Tide (La marea crescente). Questa è situata nei pressi di sedi politico-istituzionali; è quindi visibile da tutti coloro che sono coinvolti nel dibattito sul cambiamento climatico e che sono, spesso, responsabili di politiche dannose per l’ambiente[20].

Nel 2016 si stabilisce a Lanzarote, dove lavora ad un nuovo museo sottomarino, il Museo Atlantico, a 300 metri di distanza dalla costa[21].

Questo è costituito da circa 300 sculture, alcune semplicemente in piedi, altre in posizioni più complesse (un uomo sdraiato su una pira funeraria, un gruppo di rifugiati su una barca). Dal 10 gennaio 2017, il museo è stato aperto ai sub accompagnati da guide museali[22].

Nel 2017 crea l’Australian Museum of underwater art a Townsville[23].

Fonte: Wikipedia

Articoli correlati

Il magazine che non c’era

Questo non è un editoriale. Non nel senso classico del termine. E non presenta un magazine tradizionale composto di rubriche e notizie settoriali alla...

Community

spot_img
OPENPLANET - sviluppato daspot_img

Ultimi Articoli

Featured